tipologie di caldaie domesticheTipologie di caldaia

Le caldaie possono essere classificate secondo alcuni dei seguenti criteri:

  • riscaldamento interno o riscaldamento esterno,
  • caldaie a tubi d’acqua e caldaie a tubi di fumo,
  • circolazione di acqua naturale, assistita o forzata,
  • contenuto dell’acqua in rapporto alla superficie, che può essere grande, medio, piccolo, piccolissimo,
  • pressione massima di esercizio,
  • produzione massima di vapore all’ora,
  • tipo di combustibile,
  • tipo di focolare (a recupero, a combustibile solido, a combustibile liquido),
  • caldaie murali o caldaie a basamento,
  • tipo di installazione.

L'installazione può essere:

  • fissa: sono le caldaie installate in luoghi ben determinati e che per essere rimosse hanno necessità di lavori di demolizione,
  • semifissa: sono caldaie installate in punti ben determinati ma che possono essere spostate,
  • locomobile: sono caldaie che hanno tutto l’occorrente per funzionare e che sono dotate di ruote. Possono essere trasportate in modo abbastanza semplice (per esempio sono utilizzate nei cantieri),
  • locomotiva: sono caldaie che producono energia sufficiente per il loro spostamento, grazie all’installazione di un motore a vapore detto locomotiva (per esempio i treni).

Caldaie murali

Le caldaie murali sono caldaie compatte, adatte all’uso in casa sia per interno che per esterno in appositi armadi. Le caldaie murali hanno uno scambiatore in acciaio che resiste alla fiamma e alla corrosione dovuta alla combustione. Il bollitore è piccolo per un uso domestico e molto spesso utilizzano uno scambiatore rapido, per produrre acqua calda in modo istantaneo.
Vista la legislazione vigente, le caldaie murali più diffuse sono quelle a camera stagna con tiraggio forzato.  Nelle caldaie murali a camera stagna con tiraggio forzato la combustione avviene in una camera separata e l’aria viene prelevata dall’esterno, per questo scopo dotata di un elettroventilatore che preleva l’aria dall’esterno e che forza i fumi di scarico verso il camino.
La caldaia a camera stagna con tiraggio forzato garantisce la sicurezza domestica: i fumi non travasano negli ambienti interni, ma ha la necessità di condotte dei fumi di combustione che durino nel tempo.

Caldaie a basamento

Le caldaie a basamento sono di solito ingombranti rispetto a quelle murali, perché hanno un bollitore ad alta capacità.
La caldaia a basamento a camera aperta non è solitamente utilizzata per uso domestico ma è preferita per ambienti destinati a centrale termica.

Caldaie a biocombustibili solidi

Le caldaie a biocombustibili solidi sono le caldaie a pellet o a biomasse legnose. Permettono buoni risparmi sia economici che energetici. Le Caldaie a biocombustibili solidi sono di tre tipi:

  • caldaie a biocombustibili solidi solo a pellet,
  • caldaie a biocombustibili solidi a pellet combinato con legna,
  • caldaie a biocombustibili solidi policombustibili, che utilizzano cioè biomasse di vario tipo.

Il pellet e le biomasse sono ricavate da scarti e residui di lavorazione del legno e dal settore agroalimentare. Le Caldaie a biocombustibili solidi a pellet sono fornite di controlli elettronici e controlli a distanza, sono semplici da tenere pulite e da mantenere, e possono essere integrate negli impianti di riscaldamento già esistenti.